Blatt

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.C. 126704

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica - Zope-Id: 1079090193.09

Vorschau
Vorschaubild
Ort Roma
Institution Istituto Nazionale per la Grafica
Teilbestand vol. 157 H 1, Filippo Cesari, Libro di disegni architettonici
Signaturen F.C. 126704, f. 11v-12r
Gegenstand Filippo Cesari, Libro di disegni architettonici, 1733, Prospetto e pianta di porta urbana a tre fornici con semicolonne rustiche addossate di ordine tuscanico
KŘnstler Cesari, Filippo (disegnatore)
Cesari, Filippo (progettista)
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.C. 126704 recto Recto Zeichnung Pianta  /  Prospetto  /  f. 11 verso  /  f. 12 recto
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.C. 126704 verso Verso
Stempel
Wasserzeichen figura umana con contromarca, carta piemontese sec. XVIII
Papierqualitaet
Papierfarbe bianca
Gr÷▀e 487 x 698 mm (Minimum: 487 x 698 mm)
Zustand
Montierung
Datierung 1733
Bauwerk
Bauwerk-Links
Schriftquellen
Zeichnungen
Stiche
Fotos
CAD
Literatur
Kommentar Commento riguardo al "Libro di disegni architettonici":
Queste esercitazioni sono un prezioso e raro documento della formazione architettonica nell'ambiente accademico romano. "Il volume documenta il lato "teorico-propedeutico" della "scuola iuvarriana", ha notato l'Oechslin, "che ripropone il problema dell'architettura a partire dai suoi elementi di base, gli ordini... I disegni seguono il canone dei cinque ordini, proponendone i vari elementi, ma anche - superando in ci˛ le solite edizioni vignolesche - varie applicazioni nell'ambito di edifici e tipologie concrete" (Oechslin, 1980).
La tipologia di strutture colonnate dai lati concavi e convessi e gli ornamenti allusivi araldici rispecchiano l'influsso decisivo di Juvarra ma anche di Andrea Pozzo.
Anche le vedute elaborate - oblique, angolari e dal basso - fanno riferimento alle pubblicazioni scenografiche. Troviamo forse in questo volume un eco del mai pubblicato trattato juvarriano "Studio di architettura civile sopra gli Ornamenti di porte e finestre" del 1725, descritto dall'autore stesso: "In essi scorgerÓ osservata per quanto si pu˛ la sodezza dell'arte secondo l'insegnamento di Vitruvio e Palladio e di tutti i pi¨ celebri Autori: di qual sodezza io sono sempre stato amatore e del semplice, in cui ogni arte riconosce, a mio credere, la sua perfezione, non Ŕ per˛ che io abbia negletto gli ornati, ma me ne son servito con sobrietÓ ed ho procurato a tutto mio potere d'imitare in questo lo stile del cavalier Borromini, il quale pi¨ di ogni altro ha ornato i suoi disegni ed ha introdotto cotal genere nel Popolo" (L. Rovere-V. Viale-A.E. Brinckmann, Filippo Juvarra, Torino 1937, 81-82). (Kieven 1988, Cat.n. 103)

Volume legato in marocchino marrone, con fregi impressi in oro, 357 x 490 mm. I fogli recano una moderna numerazione progressiva in alto a destra.
Bibliografia riguardo al Libro di disegni architettonici: Bianchi 1955, n. 104, figg. 31-33; Oechslin 1980, 159-161; Kieven 1988, Cat.n. 103.
Bibliografia riguardo al disegno: Kieven 1988, Cat.n. 103, f. 11v-12r.
Informazioni tratte da: Kieven 1988, Cat.n. 103, f. 11v-12r.
Autor Holste