Blatt

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.C. 125099

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica - Zope-Id: 1079697933.18

Vorschau
Vorschaubild
Ort Roma
Institution Istituto Nazionale per la Grafica
Teilbestand vol. 157 G 5
Signaturen F.C. 125099
Gegenstand Paolo Posi (attribuito), Progetto per il recinto di Palazzo Corsini a Roma, intorno al 1755, Prospetto
KŘnstler Posi, Paolo (disegnatore)
Posi, Paolo (progettista)
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.C. 125099 recto Recto Zeichnung Prospetto
Skala Scala
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.C. 125099 verso Verso
Stempel
Wasserzeichen Giglio inscritto in uno scudo sormontato da una corona su monogramma di van der Ley, carta olandese sec. XVIII
Papierqualitaet
Papierfarbe bianca
Gr÷▀e 263 x 720 mm (Minimum: 263 x 720 mm)
Zustand
Montierung
Datierung circa 1755
Bauwerk
Bauwerk-Links
Schriftquellen
Zeichnungen - Francesco Panini, Seduta dell'Accademia dei Quirini nel giardino di Palazzo Corsini, F.C. 125101
- Ferdinando Fuga, Progetti per le cancellate del recinto, F.N. 13835 (1226)
Stiche
Fotos
CAD
Literatur
Kommentar Il foglio, pubblicato nel catalogo del 1955 come disegno anonimo tratto da Fuga, nello schedario del Gabinetto Nazionale viene ascritto a Panini. Si trovava originariamente rilegato insieme alla rappresentazione, di Francesco Panini, di una seduta dell'Accademia dei Quirini nel giardino di Palazzo Corsini (vedi F.C. 125101). Ma appunto il confronto con disegni di Francesco - ed anche del padre di lui, Giovanni Paolo - mostra che deve qui trattarsi di un artista diverso. L'impostazione leggera e sicura del foglio, il disseminarsi sciolto, ma teso, delle figurine, l'inserimento di elementi naturali, gli conferiscono un'atmosfera pittorica, che supera le finalitÓ di un normale disegno architettonico. Stilisticamente il foglio si accosta a tal punto a Carlo Marchionni, da rendere fondata un'attribuzione a lui o a un architetto decoratore a lui vicino, come Paolo Posi. PoichÚ in esso possono scorgersi i pilastri giÓ progettati da Fuga per il recinto di Palazzo Corsini (vedi F.N. 13835 [1226]), ma si possono d'altro canto individuare discostamenti rispetto all'opera realizzata nell'impianto del portale centrale e nei sostegni di vasi e figure, il foglio dev'essere stato redatto intorno al 1755, forse durante la costruzione. Dato che Fuga, dal 1750, soggiorn˛ per molta parte dell'anno a Napoli, potrebbe darsi che Neri Corsini si sia rivolto, per l'abbellimento decorativo dei progetti di Fuga, a un architetto residente in Roma; oppure che Marchionni cercasse di sfruttare a proprio vantaggio l'assenza di Fuga. Anche se questo progetto di Marchionni non venne realizzato, a differenza dei disegni di Fuga, trov˛ posto nella raccolta Corsini precisamente a causa della sua qualitÓ "non architettonica". (Kieven 1988, Cat.n. 106)

Da Borsellino attribuito a Ferdinando Fuga o Francesco Golia (Borsellino 1988, p. 87).

Riquadratura: Riquadrato a penna.
Bibliografia: Bianchi 1955, n. 88, fig. 21 (erroneamente come F.N. 125009); Kieven 1988, Cat.n. 106; Borsellino 1988.
Informazioni tratte da: Kieven 1988, Cat.n. 106 (qui ancora attribuito a Carlo Marchionni); Borsellino 1988; per la filigrana cfr. Churchill 1935, n. 405: Amsterdam 1733.
Autor Holste