Blatt

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.N. 11726 (9210)

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica - Zope-Id: 1082470212.95

Vorschau
Vorschaubild
Ort Roma
Institution Istituto Nazionale per la Grafica
Teilbestand
Signaturen F.N. 11726 (9210)
Gegenstand Giacomo De Sanctis, Emanuele Rodriguez dos Santos, Progetto della solenne decorazione della facciata di S. Maria d'Aracoeli in occasione della canonizzazione di S. Margherita da Cortona, settembre 1728, Prospetto
KŘnstler De Sanctis, Giacomo (disegnatore)
Rodriguez dos Santos, Emanuele (progettista)
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.N. 11726 (9210) recto Recto Zeichnung Progetto
Beschriftung Firma  /  Scritta  /  Titolo
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.N. 11726 (9210) verso Verso
Stempel
Wasserzeichen
Papierqualitaet
Papierfarbe avorio fortemente ossidata
Gr÷▀e 550 x 416 mm (Minimum: 550 x 416 mm)
Zustand carta da disegno fortemente ossidata e danneggiata
Montierung
Datierung
Bauwerk
Bauwerk-Links
Schriftquellen
Zeichnungen
Stiche
Fotos
CAD
Literatur
Kommentar Il foglio, la cui carta Ŕ fortemente danneggiata, venne disegnato da Giacomo De Sanctis in base al progetto di Emanuele Rodriguez dos Santos, e servý di modello per una lastra, incisa nel 1728 da Andrea Rossi (vedi Tafuri 1964, fig. 28; "Giacomo De Santi delin. Emmanuel Rodriguez dos Santos Lusitanus inven. Andrea Rossi sculp.") Rodriguez si vale, per la sua ricca decorazione, del linguaggio formale del "Barocchetto" romano, applicando alla costruzione medievale una facciata di parata mossa da ondulazioni concave e convesse. L'effetto della facciata venne descritto nel diario del Valesio:
"Tenne questa mattina la SantitÓ Sua cappella nella chiesa di S. Maria in Aracoeli, che era ornata con bellissimi apparati e medaglioni e gran quantitÓ di cere per l'ottavario in onore della nuova santa Margarita da Cortona, essendosi fatta una bellissima facciata di tele dipinte e in ogni ripiano della lunga scalinata v'era di qua e di lÓ un mensolone che reggeva una gran torcia e al primo ripiano da ambedue i lati un pilastrone finto con sua colonna, terminando con un cartoccio sopra la cornice che dava finimento all'opera, oltre le padelle nella piccola piazza..." (Valesio, IV, 991-92, 9.9.1728; Tafuri, 1964, 16-18).
Rodriguez aveva giÓ eseguito un altro apparato di facciata per la stessa chiesa nel 1727 (Valesio, IV, 860; cat. Settecento, 1959, no. 1308, 298), anch'esso ordinato dal procuratore generale dell'ordine, il Padre Evora portoghese. (Kieven 1988, Cat.n. 113)

Bibliografia: Bianchi 1955, n. 105, fig. 34; Kieven 1988, Cat.n. 113.
Informazioni tratte da: Kieven 1988, Cat.n. 113.
Autor Holste