Blatt

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.N. 9541

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica - Zope-Id: 1082542941.32

Vorschau
Vorschaubild Vorschaubild
Ort Roma
Institution Istituto Nazionale per la Grafica
Teilbestand
Signaturen F.N. 9541
Gegenstand Giovanni Stern, Rilievi quotati di Villa Giulia, 1778, Pianta del piano nobile della Palazzina
KŘnstler Stern, Giovanni (disegnatore)
Stern, Giovanni (progettista)
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.N. 9541 recto Recto Zeichnung Pianta
Beschriftung Scritta  /  Scritta  /  Scritta
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.N. 9541 verso Verso Zeichnung Schizzo
Beschriftung Scritta
Stempel
Wasserzeichen
Papierqualitaet
Papierfarbe bianca
Gr÷▀e 420 x 545 mm (Minimum: 420 x 545 mm)
Zustand
Montierung
Datierung 1778
Bauwerk
Bauwerk-Links
Schriftquellen
Zeichnungen Giovanni Stern, Rilievi quotati di Villa Giulia, Pianta del pianterreno della palazzina e del cortile (F.N. 9540)
Stiche
Fotos
CAD
Literatur
Kommentar Commento riguardo ai rilievi quotati di Villa Giulia, 1778:
Dopo quasi due secoli di abbandono, papa Clemente XIV fece compiere restauri in Villa Giulia (1769-'74). Dopo la sua morte Pio VI complet˛ i lavori, che ebbero termine nel 1777 (Bafile, 1948; Hess, 1955).
Villa Giulia Ŕ tra i monumenti romani pi¨ disegnati nella seconda metÓ del XVIII secolo, a causa del nuovo interesse del tempo per l'architettura del Rinascimento, specialmente da parte di architetti stranieri. La villa fu disegnata, per esempio, da Gilles-Marie Oppenord (circa 1697, disegni prima del restauro; Bafile, 1948, tav. I, VI-VII; per l'attribuzione: Macdougall, 1978, 102, n. 57), William Chambers (1754; Harris, 1970, 191), Simon Louis Du Ry (circa 1755; disegno inedito a Kassel, gentile comunicazione di Hans-Christoph Dittscheid), Robert Adam (1755-56; Fleming, 1962, 203), Richard Norris (1769; London, Victoria & Albert Museum, 95 A 17), Peter Joseph Krahe e Christian Frederik Hansen (1783-84; disegni a Braunschweig e Copenhagen; Dorn, 1971, I, cat. 195). Nel 1784 Giovanni Stern edit˛ , spinto dal banchiere ed antiquario inglese Thomas Jenkins (Hess, 1955, 179), un grande volume d'incisioni contenente trenta piante e prospettive della Villa ("Piante, elevazioni, profili e spaccati degli edificij della Villa suburbana di Giulio III"), dedicato al Papa, che documenta lo stato della Villa dopo i lavori di restauro. Questi schizzi servirono alla preparazione di tale edizione, perchÚ lo Stern testimoniava nell'avviso della pubblicazione "... finalmente dopo un lavoro di anni dieci s'Ŕ data alle stampe l'Architettura della Villa di Papa Giulio" (Hess, 1955, fig. 4).
"Quest'opera interessa l'architettura non solo pe' gran nomi degll'illustri professori impiegativi, ma molto pi¨ per la novitÓ, per l'ingegno, per la ricchezza, e per l'invenzione, che in ogni sua parte si manifestano" (prefazione, datata 28.8.1784). (Kieven 1988, Cat.n. 123-125)

Commento riguardo al disegno:
La pianta Ŕ a misura in corrispondenza al F.N. 9540 e alla tavola IX della pubblicazione. Sul verso si trova lo schizzo di una stanza. (Kieven 1988, Cat.n. 124)

Bibliografia: Kieven 1988, Cat.n. 124.
Informazioni tratte da: Kieven 1988, Cat.n. 124.
Autor Holste