Blatt

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.C. 70426

Roma, Istituto Nazionale per la Grafica - Zope-Id: 1086105216.83

Vorschau
Vorschaubild
Ort Roma
Institution Istituto Nazionale per la Grafica
Teilbestand vol. 44 H 32
Signaturen F.C. 70426
Gegenstand Anonimo, Progetto di una Palazzina di villa, Piante, prospetti, sezioni
Knstler Anonimo, Anonimo (disegnatore)
Anonimo, Anonimo (progettista)
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.C. 70426 recto Recto Zeichnung Pianta  /  Pianta  /  Prospetto  /  Prospetto  /  Sezione  /  Sezione
Beschriftung Scritta  /  Scritta  /  Scritta  /  Scritta  /  Scritta  /  Scritta
Skala Scala
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, F.C. 70426 verso Verso
Stempel
Wasserzeichen Giglio inscritto in un doppio cerchio sormontato dalla lettera V
Papierqualitaet
Papierfarbe carta ossidata
Gre 594 x 820 mm (Minimum: 594 x 820 mm)
Zustand carta ossidata danneggiata, composta da due fogli incollati; il margine a sinistra danneggiato
Montierung
Datierung
Bauwerk
Bauwerk-Links
Schriftquellen
Zeichnungen Nicola Michetti, Pianta del piano terreno della Palazzina e progetto dei muri di recinzione di Villa Corsini ad Anzio (F.C. 133596)
Stiche
Fotos
CAD
Literatur
Kommentar Il foglio, disegnato in modo assai accurato e senza risparmio, venne redatto a scopo di presentazione, e poich si trovava nella raccolta Corsini, verosimilmente uno dei fogli che i giovani architetti donavano al Cardinal Neri Corsini. In ogni modo, non contiene alcuno stemma n allusione araldica. Il progetto non ricollegabile ad alcun incarico architettonico, n si pu identificare con sicurezza. Per tematica e impianto planimetrico rammenta quello della Villa Corsini ad Anzio, che Neri Corsini si fece costruire negli anni 1731-'34 su progetto di Alessandro Galilei. Dal 1732 la direzione dei lavori ne fu affidata a Nicola Michetti (vedi F.C. 133596). N Galilei n Michetti entrano per affatto in gioco come autori di questo foglio. Per motivi stilistici la redazione di esso delimitata agli anni 1730-'50, ma queste caratteristiche sono troppo generiche per consentire l'attribuzione a un determinato architetto.
Le piante del piano terreno e del piano nobile presentano l'impostazione tipica delle ville del Lazio, con un ambiente principale centralizzato nel mezzo, intorno al quale si raggruppano gli altri. In ogni modo il salone, come chiarisce la sezione longitudinale, non pensato di altezza pari a due piani. Anche i risalti a forma di torretta angolare su tutti i lati sono comunque elemento dell'architettura delle ville (per es. Villa Conti a Poli). (Kieven 1988, Cat.n. 190)

Riquadratura: Riquadrato a penna.
Bibliografia: Kieven 1988, Cat.n. 190.
Informazioni tratte da: Kieven 1988, Cat.n. 190; per la filigrana cfr. Heawood 1950, n. 1952: Roma 1739.
Autor Holste